Guardie, ladri, e lavavetri

di Riflessioni Urbane

Nel dar retta a certe notizie, in tempi di vacche magre e di crisi economica dilagante, il dubbio d’aver sbagliato mestiere o professione comincia a far breccia nella nostra testa, soprattutto quando, imprigionati nelle automobili e nel traffico, siamo costretti ad osservare e subire la miriade di extracomunitari ai semafori che chiede monete in cambio di acqua saponata.

Già, i soliti extracomunitari….ma tutto sommato converrebbe veramente attrezzarsi con secchiello e spatola tergivetro se risulterà vero quanto si è letto dei loro favolosi guadagni esentasse…anche se al lordo di insulti e umiliazioni di ogni genere e con il rischio concreto di finire sotto le ruote di un automobilista inseguito dal mutuo e le infinite rateizzazioni da pagare, un lavoro precario e mal retribuito, una famiglia sulle spalle; perchè, fino a prova contraria, questi dovrebbero essere i veri problemi in grado di stimolare e ripensare una società diversa dall’attuale, invece di dare priorità assoluta ad una ordinanza che fa sempre più rima con intolleranza.
Adesso questi “loschi e pericolosi” individui possono essere segnalati alle Forze dell’Ordine in caso di oltraggio agli automobilisti che non intendono pagare il servizio o che non vogliono la prestazione; addirittura possono essere arrestati e vedersi sequestrare le attrezzature che consentono loro di arricchirsi alle nostre spalle, il tutto condito con una bella multa di euri 100; dopo Firenze…ora Roma, che per non essere da meno aveva provato a tirar fuori dal cilindro dello stupidario umano pure una originale e “innovativa” ordinanza che vietava ai senza fissa dimora di rovistare nei cassonetti che di positivo (anche se non intenzionale) qualcosa aveva fatto, vista la drastica riduzione delle pantegane nel sistema fognario romano, trovate morte in massa…ma di sicuro per il troppo ridere, altro che veleno.

A pensarci bene, poi, non è molto salutare perdere del tempo nel convincere un disadattato ad allontanarsi dalla propria autovettura, soprattutto quando lo stress psico-fisico quotidiano comincia a raggiungere il livello di guardia, ma se insistono avremo almeno la soddisfazione di riempire le patrie galere (anzichè di stupratori e tagliagole) di lavavetri che non rilasciano la ricevuta fiscale o insistono nell’insaponatura, condividendo così la cella con i barboni sorpresi a pranzare con i nostri rifiuti…..mentre, nella soddisfazione generale di chi si ritrova senza rompiscatole ai semafori ma comunque a bestemmiare nel traffico e comunque a respirare a polmoni pieni nello smog, il “popolino” se ne sta pure quieto ad osservare le “regole” e a prendere atto (oltre al cetriolo nel sedere) della necessità nel fare cassa di uno Stato altrettanto farabutto e complice dello “scudo fiscale” (grazie anche al contributo dell’opposizione di Governo), chiedendo in cambio solo pochi spiccioli a chi finora ha nascosto i propri capitali alle isole Cayman o in qualche altro paradiso fiscale, mentre al disgraziato morto di fame che barcolla tra una via cittadina o un angolo di stazione ferroviaria non è concesso nemmeno di riposare su una panchina.

Ma, al di la della facile retorica perbenista e degli inutili dibattiti di matrice politica -tipicamente italiani- che si innescano nel discutere simili provvedimenti da “dittatura sudamericana”, è davvero pensabile di poter arrestare qualcuno solo perchè lava il vetro di un’automobile?
Per quanto fastidiosi e puzzolenti, è indice di civile convivenza e soprattutto di solidarietà pensare ad una ordinanza di carattere repressivo (con quel che ci costa il sistema carcerario, oltretutto) caratterizzata magari dalle sirene spiegate nell’inseguire uno di questi disgraziati con il secchiello in mano, alla stregua di un rapinatore di banche?
Con quale risultato, poi, visto come funziona la “giustizia” (parolone, questo…) in Italia, con la scarsa capacità di “selezionare” e “rieducare” un detenuto, per poi ritrovarselo per strada (…sempre se sopravvive) non più come intrepido lavavetro ma bensì come un potenziale delinquente, incattivito dalla segregazione forzata con i veri manigoldi?

Eppure tutto questo è sotto i nostri occhi e ci dovrebbe far riflettere, perchè è proprio la banale e misera vita di un lavavetro a rappresentare la realtà di un Paese il cui spirito critico è talmente addormentato che il comune cittadino non è più in grado nè di rispondere nè di porsi qualche interrogativo questionando di democrazia violata nei confronti dei più deboli, e forse si spiega solo così il motivo per cui il “Sistema” ci incentiva a praticare un pò di sana attività muscolare: probabilmente dove il football non riesce più nel suo compito di “valvola di sfogo” collettiva è lì che si comincia ad avvertire l’esigenza, accompagnata da ansia e aspettativa, di una possibile e prossima riapertura della “caccia all’uomo“…nonostante permangano dei forti dubbi sul possibile successo di tale pratica agonistica visto che è fin troppo prevedibile e poco divertente appostarsi nei pressi dei semafori o attendere sulle spiagge di Lampedusa per fare un pò di tiro a segno sui gommoni dei clandestini.
E, a quanto pare, il vero grosso problema non sarà solo di dover combattere contro la noia e l’inevitabile destino di un’Italia ormai, volente o nolente, già multietnica o di dover violare i diritti umani, ma soprattutto di poter formare del personale specializzato in grado di gestire un simile “passatempo”, l’eventualità di poter utilizzare dei cani da riporto e quali possano essere le armi consentite ai partecipanti, sempre che la Protezione Animali non ponga alcun veto sulle condizioni di super-sfruttamento di queste povere bestie. Riferito ai cani, ovviamente.

Altrimenti non resta che attendere il restauro ed l’immediata riapertura del Colosseo a Roma, nella speranza (atroce) di ritrovare l’entusiasmo e l’oblìo delle domeniche pallonare di una volta con moglie e figli al seguito, stavolta però tra un colpo di spada e il ruggito di un leone.

Dopotutto, “caccia al lavavetro” e panem et circences a prescindere, perchè negare l’evidenza e i risultati pratici di una società ordinata, sicura e controllata?
Non va dimenticato, infatti, che la famiglia e lo sport devono molto alla dittatura: se non altro, è stata in grado di far appassionare le mamme e di riempire gli stadi…

Fonte: Reset Italia

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...